Articoli marcati con tag ‘linea gotica’

Patrioti Apuani – Comitato provinciale di Massa

P.za Mercurio, Massa (Massa Carrara)

tel: 0585 41687

 

Gestisce il Centro di documentazione sulla linea gotica e l’organizzazione delle celebrazioni per il 25 aprile e la liberazione di Massa. Il Comitato svolge iniziative volte al ricordo dei partigiani e degli eccidi avvenuti nel comune di Massa: Forno, Frigido ecc.

 

Centro Documentazione della Linea Gotica – Museo della Resistenza

Piazza Mercurio 21, Massa (Massa Carrara)

 

Tel: 0585/490500-41687

 

Il Centro Documentazione Linea Gotica rientra nel progetto Memoria del Comune di Massa e vuole offrire alla collettività la possibilità di fruire della documentazione relativa alla Guerra di Liberazione e all’attività svolta nel territorio comunale e provinciale delle formazioni partigiane. E’ ospitato in locali di proprietà del Comune ed è gestito dall’ANPI. L’archivio è composto da centinaia di documenti iconografici (manifesti e fotografie), da una raccolta di manifesti originali della RSI, da una biblioteca tematica relativa alla Resistenza e all’Antifascismo. Tale materiale archivistico e documentario è raccolto e ordinato in un Archivio storico e negli stessi locali è allestita una mostra permanente sulla Resistenza.

Ufficio Memoria e Resistenza del Comune di Massa

Palazzo comunale via Porta Fabbrica 1, Massa (Massa Carrara)

http://www.comune.massa.ms.it/?q=node/15724

 

Tel: 0585/490467; Fax 0585 45603

E-mail: ufficiodellamemoria@comune.massa.ms.it

 

Le linee programmatiche dell’Ufficio memoria del Comune di Massa, approvate dal Consiglio comunale il 6 marzo 2009, prevedono la promozione della comprensione culturale e l’integrazione sociale, a partire dalla salvaguardia della propria identità e della propria memoria storica, da spiegare e trasmettere alle nuove generazioni, e dal ricordo degli eventi bellici sui quali si è costruito l’assetto democratico e repubblicano dell’Italia. L’Ufficio memoria si impegna a completare e a valorizzare i monumenti dedicati alla Resistenza. In particolare: realizzare a Casette e lungo la via Vandelli opere che richiamino l’impegno dei civili e delle donne durante la lotta di liberazione, ricordando la cosiddetta “via del sale” e rendendo omaggio alle medaglie d’oro dei partigiani locali; vincolare alcune aree lungo il percorso della Linea Gotica e in Brugiana, per proteggere la memoria della guerra e dei luoghi della lotta partigiana e valorizzare l’area dove avvenne la strage delle Fosse del Frigido, per restituire alle vittime onore e attenzione. Si inseriscono in questa prospettiva le intitolazioni delle strade e delle piazze, il progetto “I Sentieri della Memoria” e i “Musei della Memoria”, in raccordo con le analoghe azioni della Provincia e della Regione. Il nodo maggiore della rete massese sarà realizzato a Borgo Ducale, con postazioni multimediali di appoggio a Forno ed alle Fosse del Frigido.

 

 

Linea Gotica Tirrenica – Associazione storico-culturale

Via Massa Avenza 30, Massa Carrara

http://web.mac.com/lgotirrenica/iWeb/Linea_gotica_tirrenica/Benvenuto.html

Tel: 0585/253581-252413; Fax: 0187603099

E-mail: lgotirrenica@mac.com

 

Nasce nel febbraio 2005 e si pone lo scopo di studiare le vicende storiche del comprensorio di Massa e Carrara durantela Seconda Guerra Mondiale attraverso convegni, conferenze e rievocazioni con l’ausilio di figuranti ed automezzi d’epoca. L’associazione si rivolge a studiosi ed appassionati per promuovere e curare manifestazioni storiche e didattiche. Ha già all’attivo varie collaborazioni con Enti pubblici della zona della Provincia di Massa Carrara in occasioni di celebrazioni e ricorrenze. Sul sito web sono presenti brevi cenni alla storia della così detta Linea Gotica Tirrenica, numerose fotografie delle rievocazioni organizzate e una cronologia delle attività svolte dall’Associazione dalla fondazione ad oggi.

Gotica Toscana ONLUS

 Via A. Galilei 7, Scarperia (Firenze)

http://www.goticatoscana.eu

Fax: 1782267395

E-mail: info@goticatoscana.eu

 

L’associazione Gotica Toscana ha sede a Scarperia, ai piedi dell’Appennino dove correvala Linea Gotica. In particolare il Passo del Giogo, che fa parte del Comune di Scarperia, fu teatro di scontri fra gli Alleati e le Truppe Tedesche. L’associazione non ha fini di lucro, confessionali o politici e si pone i seguenti scopi: conservazione della memoria e della storia della Linea Gotica Toscana; conservazione della memoria degli eventi non solo della Seconda Guerra Mondiale; attività di ricerca storica; raccolta di testimonianze; redazione e pubblicazione di testi; organizzazione di eventi e di iniziative pubbliche. Il sito dell’associazione è suddiviso in varie sezioni tematiche nelle quali sono presenti documenti di varia natura, che riassumono gli ambiti di interesse e le attività dell’Associazione. All’interno del sito sono presenti varie foto riguardanti i luoghi e le fortificazioni della Linea Gotica.

 

Comitato Recupero e Valorizzazione Fortificazioni Linea Gotica

P.zza Pascoli 3, Borgo a Mozzano (Lucca)

http://www.lineagoticatoscana.com/it

Tel: 0583/888881 – 0583/88075

E-mail: proloco@borgoamozzano.org; info@lineagoticatoscana.com

 

Associazione culturale del Comune di Borgo a Mozzano. Le finalità sono il recupero e la valorizzazione delle fortificazioni della Linea Gotica nella Media Valle del Serchio. Organizza visite guidate su prenotazione. Il sito dell’associazione è diviso in sezioni relative alla storia, ai luoghi, alle immagini delle fortificazioni della Linea Gotica nella Media Valle del Serchio.

ANPI – Sezione Gino Lombardi di Pietrasanta

Piazza Duomo 11, Pietrasanta (Lucca)

http://www.anpiginolombardiversilia.it

Corrispondenza: C.P. 171, Pietrasanta

Recapito: Palazzo del Mutilato, Seravezza

Contatti telefonici:

Moreno Costa 0584 769647

Giovanni Cipollini 0584 768043     380 4528410

E-mail: info@anpiginolombardiversilia.it

 

La Sezione di Pietrasanta fu fondata nel 1946 e con quelle di Forte dei Marmi, Seravezza, Camaiore, Massarosa e Viareggio costituì il Comitato Versiliese dell’Associazione. Negli ultimi venti anni, per ragioni organizzative, gli iscritti sono confluiti nelle due sezioni di Pietrasanta e di Viareggio, che hanno continuato l’attività nell’intero comprensorio versiliese. La sezione “Gino Lombardi” si propone di svolgere attività finalizzate alla valorizzazione del patrimonio storico e ideale dell’antifascismo e della Resistenza, in stretta collaborazione con gli enti locali, la scuola e altre associazioni patriottiche. Sul sito è presente una cronologia della Resistenza in Versilia e delle stragi nazifasciste; sono presenti i nominativi dei sacerdoti versiliesi uccisi, dei caduti della Resistenza versiliese e dei caduti alleati in Versilia e sulla Linea Gotica. È inoltre presente una sezione dedicata alle biografie di alcuni protagonisti della Resistenza in Versilia. Infine una parte del sito è dedicata a gallerie fotografiche, contributi video e audio. La sezione dei documenti comprende: testimonianze, saggi, contributi giornalistici, la Costituzione italiana, atti della Commissione parlamentare di inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti, Atti delle inchieste sulle stragi dei tribunali di La Spezia, Perugia, Vicenza.

 

 

 

resistenza, antifascismo, stragi, nazismo, linea gotica

Storia e memorie del ’900 – Portale della Regione Toscana

http://www.regione.toscana.it/memoriedel900

 

Storia e memorie del Novecento intende dare conto del lavoro di ricerca e di ricognizione storiografica e antropologica avviato in Toscana con il progetto (Regione Toscana-IDAST) Interventi per salvare la memoria degli eccidi nazifascisti, varato conla Legge Regionale n. 59 del 1999. Tale progetto si è allargato al recupero della memoria del periodo della seconda guerra mondiale e in modo particolare della Linea gotica.

Le sezioni principali del portale – che nella home page informa su iniziative e progetti organizzati dalla Regione Toscana prevalentemente nell’ambito del Giorno della Memoria e del Ricordo – sono: Storia e memorie; Fonti.

Nella prima sono riportati documenti, fonti e testimonianze sulla Linea Gotica e sugli eccidi nazifascisti. Nella seconda sono riportate testimonianze, un censimento delle fonti orali, notizie sulle fonti tedesche, l’elenco delle azioni tedesche contro i civili, un archivio fotografico, un archivio dei monumenti.

All’interno del portale sono confluiti i risultati del progetto Interventi per salvare la memoria delle stragi nazifasciste in toscana: fonti sonore e audiovisive per la ricerca a cura di Claudio Manfroni; memorie pubbliche e memorie private: le ricerche IDAST a cura di Caterina di Pasquale (Schedatura della documentazione raccolta relativa ai case studies presi in considerazione; schedatura della documentazione raccolta relativa a Etnografie delle commemorazioni).

 

Guerra ai civili. Stragi naziste in Toscana dal 1943 al 1945

Dipartimento di Storia dell’Università di Pisa – Via Pasquale Paoli 15, Pisa

http://www.stm.unipi.it:81/stmstragi/

Paolo Pezzino: Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea, piazza Torricelli 3/A. 56126 Pisa (Italy)

Tel: 050 2215400

E-mail: p.pezzino@unipi.it

 

Luca Baldissara Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea, piazza Torricelli 3/A. 56126 Pisa (Italy)

Tel: 050 2215400

E-mail: l.baldissara@stm.unipi.it oppure baldissara_luca@iol.it

 

Gianluca Fulvetti: Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea, piazza Torricelli 3/A. 56126 Pisa (Italy)

Tel: 050 2215400

e-mail:g.fulvetti@stm.unipi.it oppure gfulve@tin.it

 

All’interno del sito sono esposti i risultati di una ricerca volta alla costruzione di un atlante delle stragi naziste in Italia – coordinata dal prof.Paolo Pezzino dell’Università di Pisa – che ha utilizzato un’ampia documentazione archivistica (archivi italiani, britannici, statunitensi e tedeschi) e testimonianze orali. Il sito è suddiviso in due sezioni: stragi in Italia e stragi in Toscana.

Per la Sezione Stragi in Italia il gruppo nazionale di ricerca, in origine costituito da nuclei di 4 regioni (Campania, Puglia, Toscana, Emilia Romagna), ha censito, catalogato e analizzato le stragi di popolazione civile commesse dalla Wermacht e dai reparti della Repubblica Sociale Italiana nel periodo dell’occupazione tedesca in Italia. Questa sezione comprende una parte dedicata all’elenco degli episodi, una alla documentazione ed una alla bibliografia.

Per la sezione Stragi in Toscana la regione è studiata dal gruppo di ricerca nazionale come campo privilegiato di osservazione e di verifica della guerra ai civili per le dimensioni e la qualità che il fenomeno assunse in questo territorio nei lunghi mesi dell’occupazione tedesca. Per ricostruire la complessità dello scenario toscano il gruppo riunito attorno all’Università di Pisa si è avvalso della collaborazione di molti ricercatori e dello studio di diverse fonti documentarie. Combinando materiali di diversa provenienza archivistica – dai grandi archivi alla più microscopica ricerca condotta presso gli archivi comunali toscani, fino alle testimonianze orali raccolte a più riprese da Giovanni Contini – il gruppo è pervenuto alla stesura di un database completo degli episodi di strage occorsi sul territorio e di schede specifiche per ogni episodio. Questa sezione comprende una parte dedicata ai dati degli episodi, una ai case studies ed una alla bibliografia. Sul sito è possibile accedere al Database ed ad una interfaccia crono-geografica.

Linea Gotica – 25 aprile

Area apuo-versiliese

 

http://www.lineagotica.info

 

Sito di informazione sulla Resistenza nell’area apuo-versiliese, realizzato da Officina04 e Contatto Radio-Popolare Network con la collaborazione del Comune di Carrara, dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia e del Museo Audiovisivo della Resistenza delle province di Massa Carrara eLa Spezia. Il sito nasce dall’esperienza di una maratona radiofonica di 9 ore, andata in onda il 25 Aprile del 2004 sulle frequenze dell’emittente comunitaria Contatto Radio-Popolare Network, composta da interviste a storici e testimoni, docu-drammi e schede di approfondimento. Il materiale andato in onda è disponibile sulle pagine del sito.

Il sito raccoglie documenti relativi al periodo 1943-1945 nel comprensorio apuo-versiliese riguardanti partigiani, popolazione civile, eccidi, deportazioni, dopoguerra, lotte sociali. Sono inoltre presenti una cronologia essenziale dei principali avvenimenti verificatisi negli anni dell’occupazione germanica: 1943-1945, una Cartografia, con la dislocazione dei centri colpiti da rappresaglia (il territorio) la disposizione delle formazioni partigiane (partigiani 1943/partigiani 1944), un video (Bergiola Foscalina 14/16 settembre 1944) e una bibliografia.

 

Archivi della Resistenza – Circolo Edoardo Bassignani

Via Aurelia 56, Fosdinovo (Massa Carrara)

http://www.archividellaresistenza.it/cms/

Sede operativa: ANPI Carrara (Comitato Provinciale) Via Loris Giorgi, 1 Carrara (Massa Carrara)

E-mail: info@archividellaresistenza.it

 

Archivi della Resistenza-Circolo Edoardo Bassignani dal 2004 lavora nell’ambito della ricostruzione delle pagine più significative della Lotta di Liberazione nelle province di Massa Carrara e La Spezia, nella zona che durante il periodo bellico veniva identificata come Linea Gotica Occidentale. Le modalità di lavoro dell’associazione prevedono, partendo dalla ricerca scientifica sul materiale documentario, la raccolta e la valorizzazione, in varie forme, del patrimonio orale locale, attraverso la registrazione su supporto audiovisivo delle testimonianze dei protagonisti della Resistenza.

L’associazione organizza il Festival “Fino al cuore della rivolta. Artisti perla Resistenza”.

Sul sito dell’associazione sono presenti vari archivi. Un archivio video nel quale sono conservati filmati di testimonianze della Resistenza sulla Linea Gotica ed un film-intervista sul rastrellamento nazifascista del 29 novembre 1944. Un archivio audio con canti partigiani. Un archivio fotografico che conserva quello dell’ANPI di Carrara con immagini di partigiani, dei luoghi degli scontri, della liberazione, delle stragi di civili, dei bombardamenti e dei funerali dei partigiani. Sono inoltre presenti numeri della rivista ufficiale dell’ANPI e altri documenti soprattutto di natura bibliografica.

 

Museo Comunale del Figurino Storico di Calenzano. Soldatini, Modellismo, Archeologia Ricostruttiva in Scala, Centro di Documentazione e Cultura Storica

Via del Castello 7, Calenzano (Firenze)

http://www.museofigurinostorico.it

Tel. e fax: 055 8827531

E-mail: info@museofigurinostorico.it

 

Il Museo del Figurino Storico di Calenzano nasce nel1981 inseguito al successo ottenuto da una mostra organizzata dall’Amministrazione Comunale e dal Club del Soldatino e della Figurina Storica di Calenzano.

Il Museo propone iniziative ed attività didattiche tese a diffondere la cultura storica, a valorizzare la storia del territorio ed a coniugare gli aspetti più propriamente ludici e legati al tempo libero con una corretta comunicazione scientifica. Il percorso espositivo propone un itinerario alla riscoperta delle radici storiche del territorio in cui, ai tradizionali strumenti di studio, si affianca la ricerca di nuovi linguaggi per la didattica della storia quali il modellismo, l’informatica, i mezzi audiovisivi e l’archeologia sperimentale e ricostruttiva in scala. Tale realizzazione nasce dalla collaborazione di associazioni modellistiche fiorentine e non, di operatori ed imprenditori del settore, di privati collezionisti, con istituzioni preposte alla ricerca qualila Fondazione MuseoStibbertdi Firenze,la Sovrintendenza Archeologicadella Toscana, le Università di Firenze e di Siena. Il Museo del Figurino Storico organizza periodicamente mostre, stage, incontri legati alla storia, al modellismo, al mondo delle simulazioni e dei reenactors. Svolge attività didattica in collaborazione con le scuole.

Entrando nel Museo, il visitatore viene introdotto al mondo del modellismo attraverso un percorso che ricostruisce la storia dei soldatini, ne illustra le diverse tipologie, presenta le diverse fasi della produzione di un pezzo o di un diorama, mostra le potenzialità dell’universo-modellismo. Il percorso espositivo propone un’ampia sezione didattica in cui , seguendo una immaginaria linea del tempo, il visitatore incontra vari periodi storici: dagli etruschi alla Grande Guerra. Chiude quest’ampia sezione didattica una sala dedicata agli uomini, ai mezzi ed agli eventi della Seconda Guerra Mondiale, con particolare riferimento alla Linea Gotica ed alla Resistenza. Sul sito è presente un calendario degli eventi e una galleria di immagini del Museo divise per periodo storico.

Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea in provincia di Lucca

 Piazza Napoleone 32/12, Lucca

http://www.italia-liberazione.it/lucca

Tel e fax: 0583 55540

Casella postale 421

E-mail: iststores@tiscali.it

 

Fondato nel1977, l’Istituto storico della Resistenza in provincia di Lucca ha assunto nel1984 l’attuale denominazione e si è associato all’INSMLI. L’istituto svolge attività di ricerca, di raccolta di documenti, di didattica della storia nelle scuole. Il periodo storico di interesse è quello relativo al Novecento e l’area è quella della provincia di Lucca: Garfagnana, Versilia, Piana, Medavalle.

Sul periodo della guerra partigiana l’archivio conserva: in originale o in copia da Acs, Ussme, Naw e Bundesarchiv di Friburgo, documentazione riguardante la divisione Monterosa, lo Stato maggiore della 14ª Armata, la battaglia di Sommacolonia e lo sfondamento della Linea Gotica, la Repubblica SocialeItaliana, il carteggio del gen. Carloni con Graziani, il suo Stato maggiore e con Mussolini; accanto ad alcuni diari personali, di Giovanni Satti e di Maria Dispenza, sono consultabili anche i diari storici della 92ª divisione Buffalo e del 360° battaglione della stessa divisione; la documentazione relativa alle stragi compiute nella zona e in particolare quella riguardante le vittime civili dei bombardamenti, l’eccidio della Certosa di Farneta, l’assistenza alla comunità ebraica e alla popolazione civile e il salvataggio della Pinacoteca comunale, la deportazione di ebrei; circa 320 manifesti originali del periodo fascista e della guerra di liberazione, che periodicamente vengono esposti in mostre organizzate nei comuni di tutta la provincia; i fondi ANPI di Lucca, don Angelo Mei, CLN di Lucca, l’archivio dell’XI zona patrioti Pippo (bb. 15) e l’archivio del PCI (1960-1990.); una Videoteca con 200 videocassette e l’Audioteca con 100 cassette audio di testimonianze. Per la didattica, in collaborazione con il settore Pubblica istruzione della Provincia di Lucca, l’Istituto ha avviato il progetto “Itinerari della memoria”, allo scopo di avviare gli studenti alla raccolta della documentazione sugli avvenimenti di storia contemporanea locale e coinvolgerli nella ricerca delle fonti. Nell’ambito del progetto, vengono organizzate periodicamente visite alla Linea Gotica, a Farneta, a Sant’Anna di Stazzema ed in molti altri luoghi teatro di importanti episodi della guerra di liberazione.

CREA LA TUA RETE DI MEMORIA:
RETE DI MEMORIA PER TEMATICA
RETE DI MEMORIA PER TIPOLOGIA:
RETE DI MEMORIA PER PROVINCIA: