Articoli marcati con tag ‘Massa Carrara’

Patrioti Apuani – Comitato provinciale di Massa

P.za Mercurio, Massa (Massa Carrara)

tel: 0585 41687

 

Gestisce il Centro di documentazione sulla linea gotica e l’organizzazione delle celebrazioni per il 25 aprile e la liberazione di Massa. Il Comitato svolge iniziative volte al ricordo dei partigiani e degli eccidi avvenuti nel comune di Massa: Forno, Frigido ecc.

 

ANPI – Sezione Licciana Nardi

Via Canale Scuro, 1 Licciana Nardi (Massa Carrara)

tel: 0187 420235

 

Organizza le celebrazioni in occasione del 25 aprile, del 2 giugno, la commemorazione degli eccidi e delle medaglie d’oro. Svolge attività nelle scuole. Conserva una piccolo archivio e una raccolta di fotografie.

ANPI – Sezione di Villafranca e Bagnone

Via Edoardo Bassignani, Merizzo-Villafranca in Lunigiana (Massa Carrara)

E-mail: anpivillafrancalunig@libero.it

 

Organizza le celebrazioni in occasione del 25 aprile e della liberazione di Villafranca (oltre alle commemorazioni delle vittime degli eccidi), proiezioni di film, concerti e presentazione di libri. Collabora attivamente con gli Archivi della Resistenza nella realizzazione del Festival della Resistenza.

 


ANPI – Comitato Provinciale di Massa Carrara

Via Loris Giorni, 1 Carrara (Massa Carrara)

tel: 0585 70618

 

Partecipa all’organizzazione delle celebrazioni del 25 aprile e del 2 giugno oltre a svolgere una intensa attività nelle scuole primarie. Possiede una biblioteca di circa 500 volumi. Conserva 5.000 documenti originali o in copia, alcune fotografie e una piccola raccolte di testimonianze orali anche in formato audiovisivo.

Archivio Associazione Culturale Gruppo Eliogabalo

Via Nazionale 49, Fivizzano (Massa Carrara)

Tel: Davide Bini 0585/92478 – 0585/92363

E-mail: info@eliogabalo.org

 

Il Gruppo Eliogabalo è nato nel 1990 e si è costituito in associazione nel 1993. Opera nel settore cultura e si occupa di produzione e ricerca audiovisiva, cinema, letteratura, teatro e didattica. L’attività di documentazione e divulgazione sulle stragi nazifasciste nasce nell’ambito della realizzazione di laboratori didattici sul linguaggio teatrale e audiovisivo nelle scuole elementari, medie e superiori. Il Gruppo ha allestito per la Provincia di Massa-Carrara e per la Regione Toscana le Stanze della Memoria nel 2002 e nel 2003. Conserva un archivio di testimonianze dei superstiti delle stragi di Vinca, San Terenzo Monti, Sant’Anna di Stazzema e dei montaggi video di laboratori didattici audiovisivi, curati dal Gruppo Eliogabalo nelle scuole elementari e medie di Fivizzano e Montignoso (MS).

 

 

Associazione Culturale Occhioni-Magrini

Via Sala 90, Massa (Massa Carrara)

 

Tel: Massimo Michelucci 0585/45017-833652

E-mail: massimo.michelucci@tin.it

 

L’Associazione Occhioni e Magrini è nata nel 1983 allo scopo di valorizzare la frazione di Forno attraverso iniziative che spaziano dall’organizzazione di festival ed eventi aggregativi alla ricerca storica fino alla sensibilizzazione su problematiche di tipo ambientale e sociale. Conserva un archivio di cinquanta interviste a parenti delle vittime, testimoni e superstiti, deportati in Germania in seguito al rastrellamento del 13 giugno 1944 subito dai partigiani delle formazioni operanti nel territorio massese.


Un percorso sui sentieri della memoria – Comune di Massa

Palazzo comunale via Porta Fabbrica 1, Massa (Massa Carrara)

 

Tel: 0585/490467; Fax: 0585/45603

E-mail: ufficiodellamemoria@comune.massa.ms.it

Il progetto Un percorso europeo sui sentieri delle memoria – realizzato dal Comune di Massa in partenariato con la città polacca di Nowy Sacz – si propone la costruzione di una serie di percorsi che configurino la realizzazione di un museo a cielo aperto (diffuso nella città) per conservare, promuovere e tramandare la memoria dei crimini nazi-fascisti, della guerra, della Resistenza, nelle sue varie forme di lotta armata e di Resistenza civile. Il progetto si attuerà attraverso le seguenti attività: indagine e ricerca per la individuazione dei luoghi della memoria associati all’occupazione tedesca, alle stragi nazifasciste e alla resistenza, armata e civile; realizzazione di una cartellonistica adeguata, che spieghi per ogni luogo le principali caratteristiche e gli avvenimenti; installazione di una o più postazioni audiovisive, con materiale documentario multimediale realizzato in collaborazione con le scuole superiori; realizzazione,in collaborazione con alcune scuole superiori, di una sezione all’interno del sito del Comune di Massa dedicata ai percorsi della memoria, che comprende sia i contenuti dei cartelloni sia il materiale documentario recuperato e già pubblicato; creazione di un Campus virtuale tra studenti delle scuole superiori di Massa e studenti delle scuole superiori di Nowy Sacz; creazione di una rete internazionali con i paesi europei (Grecia e Polonia) che hanno avuto vittime durante l’eccidio delle Fosse del Frigido a Massa per promuovere occasioni di incontro e di riflessioni comuni; attuazione di una offerta formativa, rivolta agli studenti delle scuole primarie, finalizzata alla conoscenza della geografia e degli eventi della Resistenza per comprendere i valori della Costituzione repubblicana, alla lettura degli spazi e dei monumenti diffusi sul territorio e all’approfondimento delle tematiche legate al rispetto delle diversità; organizzazione di manifestazioni il 10 aprile, in occasione dell’anniversario della liberazione di Massa, e il 16 settembre, in occasione dell’eccidio delle Fosse del Frigido; realizzazione di una pubblicazione con la raccolta di tutti i testi della cartellonistica, che verrà messo a disposizione sia presso la postazione multimediale sia distribuito alle scuole e in occasioni di manifestazioni pubbliche; realizzazione di un’ampia diffusione delle attività e dei risultati durante tutto il progetto.

 

Rifugio antiaereo – Comune di Massa

via Bigini località Martana, Massa (Massa Carrara)

 

http://rifugioantiaereo.comune.massa.ms.it/

Associazione culturale Sancio Pancia Tel: Marco Rossi, 329/0227861

E-mail: :sanciop@supereva.com

 

Comune di Massa:

Ufficio della Memoria, Palazzo comunale via Porta Fabbrica, 1 – 54100 Massa

Tel. 0585 490467 – fax 0585 45603   URP: numero verde 800 013846

E-mail: ufficiodellamemoria@comune.massa.ms.it

 

Rifugio antiaereo recuperato e riaperto dal Comune di Massa nel 2006, con la volontà di preservare un luogo di memoria legato alla Seconda guerra mondiale. Il rifugio antiaereo della Martana è uno dei rifugi pubblici costruiti durante la seconda guerra mondiale nella città di Massa con lo scopo di dare riparo alla popolazione durante gli attacchi aerei angloamericani. Situato in una delle zone più popolose del centro storico, il rione della Martana, a poca distanza dalla vecchia sede del municipio e dalla piazza del mercato cittadino, venne costruito a partire dalla metà del 1942 e completato poco più di un anno dopo. Il rifugio si sviluppa per circa 350 metri a partire da metà di via Bigini fino a metà di via Prado, è costituito da una galleria scavata nella roccia ed in parte rivestita di calcestruzzo. All’interno del rifugio sono esposti manifesti e bandi del ventennio fascista relativi ai comportamenti da tenere in caso di attacco aereo, e foto della città di Massa dopo i bombardamenti angloamericani. È inoltre possibile vedere il dvd “Di Terre Ferite” realizzato dall’associazione culturale Sancio Pancia nell’ambito del progetto del Comune di Massa “Per non dimenticare – un ponte sulla memoria fra Italia e Polonia”, cofinanziato dall’Unione Europea. Il dvd raccoglie le interviste di quattordici testimoni dei bombardamenti avvenuti sulla città di Massa nel corso della II Guerra Mondiale.

Premio Maresciallo Ciro Siciliano – Comune di Massa

Via Porta Fabbrica 1, Massa (Massa Carrara)

 

Indetto dal Comune di Massa in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri, l’associazione Eventi sul Frigido, l’associazioni partigiane API, FIVIL, ANFCDG. Tale iniziativa rientra nel percorso didattico rivolto alle scuole dal titolo I luoghi della Resistenza nel Comune di Massa. Prende spunto dal ricordo di un massacro perpetrato in terra apuana dai nazifascisti: l’eccidio di Sant’Anna a Forno. Il concorso è aperto alle classi, a gruppi e a singoli studenti, appartenenti alle scuole primarie, alle secondarie di prime e secondo grado, che devono essere coordinate da un insegnante. Le sezioni del premio sono due: alla prima, relativa ai manifesti, sono ammessi lavori elaborati da classi o gruppi di alunni di una stessa classe, sia di scuola primaria sia secondaria di primo e secondo grado, sotto la supervisione di un insegnante; la seconda è dedicata, invece, ai componimenti a cui potranno concorrere elaborati di singoli studenti, sia di scuola primaria sia secondaria di primo e secondo grado, sempre presentati da un loro insegnante. Obiettivo è la produzione di un testo scritto, in forma di prosa o poesia, racconto o intervista, anche con produzione multimediale, che illustri la tematica del concorso.

 

Centro Documentazione della Linea Gotica – Museo della Resistenza

Piazza Mercurio 21, Massa (Massa Carrara)

 

Tel: 0585/490500-41687

 

Il Centro Documentazione Linea Gotica rientra nel progetto Memoria del Comune di Massa e vuole offrire alla collettività la possibilità di fruire della documentazione relativa alla Guerra di Liberazione e all’attività svolta nel territorio comunale e provinciale delle formazioni partigiane. E’ ospitato in locali di proprietà del Comune ed è gestito dall’ANPI. L’archivio è composto da centinaia di documenti iconografici (manifesti e fotografie), da una raccolta di manifesti originali della RSI, da una biblioteca tematica relativa alla Resistenza e all’Antifascismo. Tale materiale archivistico e documentario è raccolto e ordinato in un Archivio storico e negli stessi locali è allestita una mostra permanente sulla Resistenza.

Comune di Massa – Memoria e Resistenza

http://www.comune.massa.ms.it/?q=node/15724

 

 

L’Amministrazione Comunale di Massa ha dedicato un apposito spazio all’interno del suo sito agli eventi della Seconda guerra mondiale, denominato Memoria e Resistenza. Uno spazio voluto dalla delegata alla Memoria Elena Cordoni, costruito assieme all’URP, al Settore Informatico, all’Ufficio Stampa del Comune, all’ANPI, all’ANPI Giovani e all’Associazione Sancho Panza. All’interno di questo spazio sono pubblicate le attività dell’amministrazione, sono messi in evidenza alcuni luoghi significativi dove sono avvenute le stragi, sono pubblicati i progetti in corso e quelli che l’amministrazione comunale intende realizzare nel breve e medio termine. Il sito contiene inoltre documenti, articoli di stampa, una bibliografia, segnalazioni di siti dedicati alla Resistenza, premi destinati alle scuole e una galleria fotografica in via di completamento.

 

 

 

 

Ufficio Memoria e Resistenza del Comune di Massa

Palazzo comunale via Porta Fabbrica 1, Massa (Massa Carrara)

http://www.comune.massa.ms.it/?q=node/15724

 

Tel: 0585/490467; Fax 0585 45603

E-mail: ufficiodellamemoria@comune.massa.ms.it

 

Le linee programmatiche dell’Ufficio memoria del Comune di Massa, approvate dal Consiglio comunale il 6 marzo 2009, prevedono la promozione della comprensione culturale e l’integrazione sociale, a partire dalla salvaguardia della propria identità e della propria memoria storica, da spiegare e trasmettere alle nuove generazioni, e dal ricordo degli eventi bellici sui quali si è costruito l’assetto democratico e repubblicano dell’Italia. L’Ufficio memoria si impegna a completare e a valorizzare i monumenti dedicati alla Resistenza. In particolare: realizzare a Casette e lungo la via Vandelli opere che richiamino l’impegno dei civili e delle donne durante la lotta di liberazione, ricordando la cosiddetta “via del sale” e rendendo omaggio alle medaglie d’oro dei partigiani locali; vincolare alcune aree lungo il percorso della Linea Gotica e in Brugiana, per proteggere la memoria della guerra e dei luoghi della lotta partigiana e valorizzare l’area dove avvenne la strage delle Fosse del Frigido, per restituire alle vittime onore e attenzione. Si inseriscono in questa prospettiva le intitolazioni delle strade e delle piazze, il progetto “I Sentieri della Memoria” e i “Musei della Memoria”, in raccordo con le analoghe azioni della Provincia e della Regione. Il nodo maggiore della rete massese sarà realizzato a Borgo Ducale, con postazioni multimediali di appoggio a Forno ed alle Fosse del Frigido.

 

 

Linea Gotica Tirrenica – Associazione storico-culturale

Via Massa Avenza 30, Massa Carrara

http://web.mac.com/lgotirrenica/iWeb/Linea_gotica_tirrenica/Benvenuto.html

Tel: 0585/253581-252413; Fax: 0187603099

E-mail: lgotirrenica@mac.com

 

Nasce nel febbraio 2005 e si pone lo scopo di studiare le vicende storiche del comprensorio di Massa e Carrara durantela Seconda Guerra Mondiale attraverso convegni, conferenze e rievocazioni con l’ausilio di figuranti ed automezzi d’epoca. L’associazione si rivolge a studiosi ed appassionati per promuovere e curare manifestazioni storiche e didattiche. Ha già all’attivo varie collaborazioni con Enti pubblici della zona della Provincia di Massa Carrara in occasioni di celebrazioni e ricorrenze. Sul sito web sono presenti brevi cenni alla storia della così detta Linea Gotica Tirrenica, numerose fotografie delle rievocazioni organizzate e una cronologia delle attività svolte dall’Associazione dalla fondazione ad oggi.

Associazione Nazionale Divisione Acqui – Sede di Marina di Massa

Viale Litoraneo 29, Marina di Massa (Massa Carrara)

http://www.associazioneacqui.it

Tel: 0585 241220 – 338 5603018

 

L’Associazione Nazionale Divisione Acqui è stata fondata nel 1945. Rappresenta ed organizza tutti i superstiti dell’eccidio di Cefalonia e Corfù del Settembre 1943 ed ha lo scopo di onorare e ricordare le vittime di quegli eventi

 

Storia e memorie del ’900 – Portale della Regione Toscana

http://www.regione.toscana.it/memoriedel900

 

Storia e memorie del Novecento intende dare conto del lavoro di ricerca e di ricognizione storiografica e antropologica avviato in Toscana con il progetto (Regione Toscana-IDAST) Interventi per salvare la memoria degli eccidi nazifascisti, varato conla Legge Regionale n. 59 del 1999. Tale progetto si è allargato al recupero della memoria del periodo della seconda guerra mondiale e in modo particolare della Linea gotica.

Le sezioni principali del portale – che nella home page informa su iniziative e progetti organizzati dalla Regione Toscana prevalentemente nell’ambito del Giorno della Memoria e del Ricordo – sono: Storia e memorie; Fonti.

Nella prima sono riportati documenti, fonti e testimonianze sulla Linea Gotica e sugli eccidi nazifascisti. Nella seconda sono riportate testimonianze, un censimento delle fonti orali, notizie sulle fonti tedesche, l’elenco delle azioni tedesche contro i civili, un archivio fotografico, un archivio dei monumenti.

All’interno del portale sono confluiti i risultati del progetto Interventi per salvare la memoria delle stragi nazifasciste in toscana: fonti sonore e audiovisive per la ricerca a cura di Claudio Manfroni; memorie pubbliche e memorie private: le ricerche IDAST a cura di Caterina di Pasquale (Schedatura della documentazione raccolta relativa ai case studies presi in considerazione; schedatura della documentazione raccolta relativa a Etnografie delle commemorazioni).

 

ResistenzaToscana.it

http://www.resistenzatoscana.it

E-mail: webmaster@resistenzatoscana.it

 

ResistenzaToscana.it è il sito ufficiale della Federazione Regionale Toscana delle Associazioni Antifasciste e della Resistenza. Ha iniziato la sua attività il 24 aprile 2003. L’obiettivo è proporre ad un pubblico il più vasto possibile grandi quantità di materiale sul binomio Resistenza/Toscana, concentrandosi sulle persone che hanno preso parte alla Resistenza in Toscana, non necessariamente toscane, e sui toscani che hanno partecipato alla Resistenza, non necessariamente in Toscana. Le associazioni federate sono: Associazione Nazionale Deportati Politici nei Campi Nazisti, Associazione Nazionale ex Internati, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti, Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie Caduti Divisione Acqui, Associazione Nazionale Reduci Prigionia e Internamento, Associazione Nazionale Veterani Reduci Garibaldini, Associazione Partigiani Cristiani, Associazione Toscana Volontari della Libertà, Federazione Italiana Associazioni Partigiane, Associazione Nazionale Famiglie Italiane Martiri, Associazione Famiglie Partigiani Caduti

Nelle varie sezioni del sito sono presenti: informazioni circa iniziative e ricorrenze; il censimento dei monumenti presenti in Toscana e in altre regioni che citano partigiani toscani; una mappa geografica interattiva dei monumenti; una carta geografica interattiva attraverso la quale è possibile visualizzare i luoghi della memoria; una serie di racconti sulla resistenza in Toscana suddivisi per provincia; una lista di biografie di patrioti e partigiani, spesso corredate da fotografie e documenti, con collegamenti ai monumenti attraverso i quali i protagonisti sono ricordati; files audio, documenti, foto e testi di vario genere.

 

Guerra ai civili. Stragi naziste in Toscana dal 1943 al 1945

Dipartimento di Storia dell’Università di Pisa – Via Pasquale Paoli 15, Pisa

http://www.stm.unipi.it:81/stmstragi/

Paolo Pezzino: Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea, piazza Torricelli 3/A. 56126 Pisa (Italy)

Tel: 050 2215400

E-mail: p.pezzino@unipi.it

 

Luca Baldissara Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea, piazza Torricelli 3/A. 56126 Pisa (Italy)

Tel: 050 2215400

E-mail: l.baldissara@stm.unipi.it oppure baldissara_luca@iol.it

 

Gianluca Fulvetti: Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea, piazza Torricelli 3/A. 56126 Pisa (Italy)

Tel: 050 2215400

e-mail:g.fulvetti@stm.unipi.it oppure gfulve@tin.it

 

All’interno del sito sono esposti i risultati di una ricerca volta alla costruzione di un atlante delle stragi naziste in Italia – coordinata dal prof.Paolo Pezzino dell’Università di Pisa – che ha utilizzato un’ampia documentazione archivistica (archivi italiani, britannici, statunitensi e tedeschi) e testimonianze orali. Il sito è suddiviso in due sezioni: stragi in Italia e stragi in Toscana.

Per la Sezione Stragi in Italia il gruppo nazionale di ricerca, in origine costituito da nuclei di 4 regioni (Campania, Puglia, Toscana, Emilia Romagna), ha censito, catalogato e analizzato le stragi di popolazione civile commesse dalla Wermacht e dai reparti della Repubblica Sociale Italiana nel periodo dell’occupazione tedesca in Italia. Questa sezione comprende una parte dedicata all’elenco degli episodi, una alla documentazione ed una alla bibliografia.

Per la sezione Stragi in Toscana la regione è studiata dal gruppo di ricerca nazionale come campo privilegiato di osservazione e di verifica della guerra ai civili per le dimensioni e la qualità che il fenomeno assunse in questo territorio nei lunghi mesi dell’occupazione tedesca. Per ricostruire la complessità dello scenario toscano il gruppo riunito attorno all’Università di Pisa si è avvalso della collaborazione di molti ricercatori e dello studio di diverse fonti documentarie. Combinando materiali di diversa provenienza archivistica – dai grandi archivi alla più microscopica ricerca condotta presso gli archivi comunali toscani, fino alle testimonianze orali raccolte a più riprese da Giovanni Contini – il gruppo è pervenuto alla stesura di un database completo degli episodi di strage occorsi sul territorio e di schede specifiche per ogni episodio. Questa sezione comprende una parte dedicata ai dati degli episodi, una ai case studies ed una alla bibliografia. Sul sito è possibile accedere al Database ed ad una interfaccia crono-geografica.

Linea Gotica – 25 aprile

Area apuo-versiliese

 

http://www.lineagotica.info

 

Sito di informazione sulla Resistenza nell’area apuo-versiliese, realizzato da Officina04 e Contatto Radio-Popolare Network con la collaborazione del Comune di Carrara, dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia e del Museo Audiovisivo della Resistenza delle province di Massa Carrara eLa Spezia. Il sito nasce dall’esperienza di una maratona radiofonica di 9 ore, andata in onda il 25 Aprile del 2004 sulle frequenze dell’emittente comunitaria Contatto Radio-Popolare Network, composta da interviste a storici e testimoni, docu-drammi e schede di approfondimento. Il materiale andato in onda è disponibile sulle pagine del sito.

Il sito raccoglie documenti relativi al periodo 1943-1945 nel comprensorio apuo-versiliese riguardanti partigiani, popolazione civile, eccidi, deportazioni, dopoguerra, lotte sociali. Sono inoltre presenti una cronologia essenziale dei principali avvenimenti verificatisi negli anni dell’occupazione germanica: 1943-1945, una Cartografia, con la dislocazione dei centri colpiti da rappresaglia (il territorio) la disposizione delle formazioni partigiane (partigiani 1943/partigiani 1944), un video (Bergiola Foscalina 14/16 settembre 1944) e una bibliografia.

 

Archivi della Resistenza – Circolo Edoardo Bassignani

Via Aurelia 56, Fosdinovo (Massa Carrara)

http://www.archividellaresistenza.it/cms/

Sede operativa: ANPI Carrara (Comitato Provinciale) Via Loris Giorgi, 1 Carrara (Massa Carrara)

E-mail: info@archividellaresistenza.it

 

Archivi della Resistenza-Circolo Edoardo Bassignani dal 2004 lavora nell’ambito della ricostruzione delle pagine più significative della Lotta di Liberazione nelle province di Massa Carrara e La Spezia, nella zona che durante il periodo bellico veniva identificata come Linea Gotica Occidentale. Le modalità di lavoro dell’associazione prevedono, partendo dalla ricerca scientifica sul materiale documentario, la raccolta e la valorizzazione, in varie forme, del patrimonio orale locale, attraverso la registrazione su supporto audiovisivo delle testimonianze dei protagonisti della Resistenza.

L’associazione organizza il Festival “Fino al cuore della rivolta. Artisti perla Resistenza”.

Sul sito dell’associazione sono presenti vari archivi. Un archivio video nel quale sono conservati filmati di testimonianze della Resistenza sulla Linea Gotica ed un film-intervista sul rastrellamento nazifascista del 29 novembre 1944. Un archivio audio con canti partigiani. Un archivio fotografico che conserva quello dell’ANPI di Carrara con immagini di partigiani, dei luoghi degli scontri, della liberazione, delle stragi di civili, dei bombardamenti e dei funerali dei partigiani. Sono inoltre presenti numeri della rivista ufficiale dell’ANPI e altri documenti soprattutto di natura bibliografica.

 

Museo Audiovisivo della Resistenza delle Province di Massa Carrara e La Spezia

Via delle Prate 12, Fosdinovo (Massa Carrara)

http://www.museodellaresistenza.it

Tel: 0187 680014;

E-mail: info@museodellaresistenza.it

 

L’Associazione Museo Storico della Resistenza si pone lo scopo, come è scritto nello Statuto, “di promuovere quotidiana testimonianza dei valori di libertà, democrazia e giustizia sociale che hanno ispiratola Resistenzae che stanno alla base della Costituzione della Repubblica italiana”.

Sono promossi percorsi didattico-culturali, d’indagine e di approfondimento storico sulla Resistenza avvalendosi della collaborazione di istituti scolastici, università, istituti storici ed associazioni culturali.

Il Museo, inaugurato il 3 giugno del 2000, è costituito da una installazione audiovisiva e da supporti multimediali, che consentono organici percorsi di indagine storica e di approfondimento didattico sui temi della Resistenza e della costruzione della democrazia in Italia. Il Museo della Resistenza propone un percorso che unisce alla narrazione di momenti tragici le immagini che di quegli eventi sono rimaste. Il percorso è interattivo. Il Museo Audiovisivo della Resistenza è gestito dall’Associazione Museo Storico della Resistenza, attualmente presieduta dal Prof. Renzo Bellettato e che conta tra i suoi soci le province di Massa Carrara e La Spezia, i comuni di Massa, Carrara, Fosdinovo, Sarzana eLa Spezia, l’Istituto Spezzino perla Storiadella Resistenza e dell’Età Contemporanea, l’Istituto Storico della Resistenza Apuana e le ANPI locali.

Il Comitato Scientifico dell’Associazione, presieduto dal Prof. Paolo Pezzino (Università di Pisa),  sovraintende alle attività didattiche e culturali del museo. Sul sito è possibile effettuare la visita virtuale del Museo.

Istituto storico della Resistenza apuana

Palazzo Civico – Piazza della Repubblica Pontremoli (Massa Carrara)

http://www.italia-liberazione.it/pontremoli

Tel e fax: 0187 460601

E-mail: istorpon@libero.it

 

L’Istituto storico della Resistenza apuana, costituito nel1983, ha come obiettivi la raccolta e la classificazione del patrimonio documentario, bibliografico e fotografico del movimento di liberazione, dalle sue origini antifasciste alla rinascita democratica, la promozione di manifestazioni e convegni, la ricerca storica.

L’Istituto dispone di una biblioteca di oltre 3.000 volumi, specializzata in storia contemporanea, locale e nazionale, depositata presso la Biblioteca civica di Pontremoli. Non è ancora stato costituito invece l’archivio storico. La documentazione inerente il movimento di Liberazione è stata raccolta, in larga misura, nel corso degli anni Sessanta e Settanta, da altri istituti storici presenti sul territorio. In particolare presso gli Istituti di storia della Resistenza di Parma e di La Spezia è conservata documentazione inerentela Lunigiana, mentre presso le sedi ANPI di Massa e di Carrara sono raccolti fondi originali (fondo Pietro De Giudice), o in fotocopia (proveniente dall’Istituto Storico della Resistenza in Toscana), riguardanti la guerra partigiana nella provincia. L’Istituto ha collaborato con altre istituzioni alla realizzazione del Museo multimediale della Resistenza alle Prade di Fosdinovo. L’attività didattica dell’Istituto storico della Resistenza apuana è volta principalmente all’organizzazione di incontri con combattenti ed ex partigiani presso le scuole del territorio, soprattutto in concomitanza con le principali ricorrenze.

 

CREA LA TUA RETE DI MEMORIA:
RETE DI MEMORIA PER TEMATICA
RETE DI MEMORIA PER TIPOLOGIA:
RETE DI MEMORIA PER PROVINCIA: